giovedì 28 febbraio 2013

Maritozzi con la panna


Quando da un errore,viene fuori la ricetta perfetta.....è questo il caso!Noi,soprattutto mia figlia ,siamo golosissime di maritozzi e sempre lei,mia figlia,è parecchio esigente in fatto di sofficità e gusto,ho provato diverse ricette e tutti i forni del mio paese(solo uno è di suo gusto!!!)fino a quando,appunto per una mia sbadataggine, sono arrivata a questo maritozzo.
Questa è una ricetta di Salvatore De Riso,già perfetta di suo visto da chi proviene,ma io per  sbaglio ho messo tutto il latte di una dose intera in metà dose,ormai era fatta , ho continuato a impastare ottenendo un maritozzo sofficissimo ,ho  poi aggiustato i liquidi negli impasti seguenti e questo è il risultato grazie a De Riso!!!!
  •  2 uova intere grandissime
  • 38-40g di olio di mais
  • 1/2 kg di farina manitoba
  • 75 g di zucchero
  • 30-40g di burro morbido
  • 17-19g di lievito di birra
  • 200-220g di latte intero
  • 1 pizzico di sale
  • 1 bacca o un cucchiaino di estratto di vaniglia
  • 1/2 cucchiaino di pasta di arancio o buccia grattugiata di limone o arancio o mandarino
 Per prima cosa montare con un mixer ad immersione i tuorli con l'olio e il sale come per una maionese,mettere in frigo a 4°C per una mezz'ora,servirà a indurire questa specie di maionese.
Versare nell'impastatrice,con la frusta a K o foglia,la farina ,il lievito di birra sciolto in metà latte,lo zucchero la vaniglia ,gli albumi e la maionese fredda,far andare per qualche minuto alla minima velocità.Unire il burro morbido a tocchetti piccoli(si può scegliere di mettere tutto burro o tutto olio),la pasta di arancio o la buccia grattugiata e il resto del latte(che dovremo regolare in base alla misura delle uova,potrebbe volercene di più o di meno)impastare per 10-15 minuti a velocità 1-1 e mezzo finchè  la massa diventa liscia e omogenea e si stacca bene dal fondo della ciotola....



fare la prova velo,coprire la ciotola con un tovagliolo umido   o pellicola e far lievitare per 30 minuti o fino a raddoppio(dipenderà dalla temperatura della stagione,ci può volere anche 1 ora,oppure mettere in forno con la sola luce accesa).
Quando l'impasto avrà raddoppiato versare la massa sulla spianatoia spolverata con farina e spezzare in pezzi di 60-80g secondo come li vogliamo fare grandi(io spezzo in 13-14 pezzi di 75g circa)formare delle palline da ogni pezzo e poi dargli una forma allungata.
Sistemare i maritozzi ben distanziati, su una teglia rivestita di carta forno ,coprire con pellicola e far lievitare a 28°C fino a triplicare il volume.Spennellarli con uno sciroppo fatto con due cucchiai di zucchero e 4 cucchiai di acqua portata a bollore e infornare a 175°C per 10 minuti circa.Una volta cotti spennellare ancora con lo sciroppo per lucidarli e passarli  a piacere nello zucchero semolato,oppure lasciarli al naturale e spolverarli con zucchero a velo e farcire con la panna montata.




E così come se lo è mangiato mia figlia,con panna e nutella!!!!

mercoledì 27 febbraio 2013

Minnie cake


Un'altra torta di qualche anno fa.Oltre a postare le torte in ritardo,le faccio e consegno anche in ritardo questa torta per la mia nipotina l'ho fatta esattamente 1 mese dopo il suo compleanno.Non ho potuto farla al suo compleanno perchè stavo male e visto la tortina anonima avuta il giorno della sua festa e la delusione di tutti i partecipanti,la zietta doveva farsi perdonare e dato che lei ama Minnie (mentre io no....avrei voluto farle una dolcissima e bellissima bimba) ho capitolato e Minnie fu......
Per le basi ho fatto una base presa da Cookaround e trasformata al pistacchio da me:
3 uova molto grandi
130g di farina
50g fecola
120g di zucchero
50g di pistacchi frullati con 20g di zucchero preso dal totale
50g di olio
30g circa di crema di pistacchio
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
1 bustina di lievito
il procedimento è lo stesso della moretta e cotto in uno stampo quadrato di cm 24 e tagliato a metà una volta cotto,la base centrale è un disco di moretta
Farcitura fatta con una dose e mezza di crema al latte con pezzetti di cioccolato e mezza dose di crema nocciolosa ,mezza dose è bella abbondante.
Bagna con semplice latte per la base al pistacchio e latte e cacao per la moretta 













lunedì 25 febbraio 2013

Rose pepate di pane al Kamut


Questo pane molto decorativo da usare anche come centrotavola in un pranzo festivo,lo presi anni fa dal blog di Francesco ''la cucina degli angeli'' , la mia ricetta  è un pò diversa e preparata col poolish,per il post originale metto il link.

400g di farina di grano kamut

150g di farina manitoba

100g farina 0
25g di lievito di birra
130g di latte
220g circa di acqua
10g di zucchero
10g di sale
20g di burro  morbido
1 cucchiaino di pepe rosa in grani
1 cucchiaino di pepe nero in grani


mescolare in una ciotola la farina manitoba e la farina 0 con 5g di lievito sciolto in 130 gdi latte e 120g di acqua tiepidi e far lievitare a temperatura ambiente per 12 ore(poolish)


Impastate il poolish con la farina di kamut ,lo zucchero, il burro,  100g circa di acqua e il rimanente lievito sbriciolato impastare per qualche minuto e poi unire il sale....impastare con il gancio per 10 minuti o fino a quando è ben incordato....

coprire e far lievitare per 1 ora....
rovesciamo l'impasto sulla spianatoia, lo sgonfiamo e allarghiamo un pò con le mani , versiamo sopra i due pepi e aiutandoci con il matterello stendiamo la pasta in un rettangolo abbastanza sottile...




spennelliamo con olio di oliva e arrotoliamo la pasta su se stessa per ottenere un lungo salsicciotto, con un coltello tagliare dei cilindri di 3 cm circa, io ho ottenuto 15 pezzi (ho dimenticato di fotografare )con le dita stringere la base del cilindro spingendo verso l'alto il centro dell'impasto ottenendo così le roselline che adageremo in una teglia rotonda foderata con carta forno,copriamo con pellicola e lasciamo lievitare per 2 ore e mezza o fino al raddoppio


infornare a 200° , dopo 10 minuti abbassiamo a 180° e cuociamo per altri 15 minuti( poi ognuno si regola col proprio forno)...
Sfornare , lasciar raffreddare e servire in tavola...io l'ho usato come semplice centrotavola il giorno di Natale.Ottimo, da rifare sicuramente, anche senza pepe....

domenica 24 febbraio 2013

Mezze maniche con surimi


 Un primo piatto veloce,semplice ma molto gustoso


 Il surimi è una preparazione culinaria facente parte della tradizione nazionale nipponica,è un ingrediente che viene utilizzato molto spesso nelle nostre tavole,  all'interno di insalate, paste fredde e piatti unici.Si presenta come un insieme di bastoncini che hanno la parte esterna arancione mentre la polpa interna è bianca: il loro sapore è abbastanza gradevole e simile alla polpa di granchio, molto versatile in cucina, soprattutto quando non si ha molto tempo per mettersi ai fornelli.
Al loro interno è presente per il 30/40%  polpa di pesce ,essenzialmente polpa di merluzzo accostato a farina, fecola di patate, aromi e altri agenti chimici.Una delle caratteristiche del surimi è di essere un alimento particolarmente ricco di proteine e povero di grassi,ma purtroppo ricco di additivi,consumarlo una due volte l'anno non può certo farci male.
per 4 persone
8-10 bastoncini di surimi
1 piccola zucchina
cipolla o porro qb
qualche pomodorino datterino o ciliegina
1/2 bicchiere di latte
prezzemolo
olio evo
sale e pepe

350-400g di mezzemaniche




Tritare il porro o la cipolla e farla soffriggere con olio, tagliare a rondelle la metà dei bastoncini di surimi e unirli al porro ,nel frattempo tagliare a dadini piccoli la zucchina e i datterini a metà e unire anche questi nel tegame e salare...

quando il surimi è disfatto e le zucchine ancora croccanti unire il latte e il surimi rimasto,far ridurre leggermente il latte , lessare la pasta,scolarla e versarla nel tegame ,unire il prezzemolo tritato e una macinata di pepe e saltare la pasta...


ed eccola pronta da gustare!!!

martedì 19 febbraio 2013

Winx Flora cake



Questa è un'altra di quelle vecchie torte che avevo piacere riportare qui,mi ricordo di essermi  divertita molto a fare Flora ,un pò meno  le ali, fatte con acetato e disegnate con la glassa,che alla consegna ho urtato e un pò di glassa si è staccata e ho dovuto fare un restauro frettoloso.....

La torta è composta da due basi di pandispagna di 26 cm di diametro e una base di biondina al pistacchio(una mia versione di quella che gira nel web ma fatta appunto con farina di pistacchio):
3 uova molto grandi
130g di farina
50g fecola
120g di zucchero
50g di pistacchi frullati con 20g di zucchero preso dal totale
50g di olio
30g circa di crema di pistacchio
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
1 bustina di lievito
montare le uova intere con lo zucchero,aggiungere poco alla volta il latte,l'olio e la farina setacciata insieme al lievito e infine il cacao.
Cottura circa 170°C per 30 minuti,ma fare sempre la prova stecchino.
Farcia 1 dose di crema simil ferrero rochè e 1 dose di mousse alla nocciola:250g di mascarpone, 140g di pralinato e 200g di panna montata.
Bagna fatta con latte e cacao per il pds e solo latte per quella al pistacchio,ricoperta con panna montata e rivestita in pdz.
Decori in pdz e winx in pasta di gomma ,glassa per attaccare i fiori
peso della torta finita kg 3,300