venerdì 31 gennaio 2014

Risotto al radicchio,zucca e salsiccia

 E dopo tanto tempo,finalmente, un piatto che non sia un dolce....io amo i risotti ma non li posso fare spesso ,mia figlia a differenza di me non li ama proprio però ogni tanto riesco ad averla vinta e con la complicità del suo ragazzo ,un risotto  ogni morte di papa riesco a cucinarlo.Sempre lui mi aveva portato una zucca intera che poi ho pulito e messo in congelatore per cui creme di zucca e risotti per qualche tempo sono assicurati.
 Ingredienti per 3 persone

  • 3oog di riso carnaroli
  • 400g di zucca
  • 1/2 palla di radicchio di chioggia(o tardivo)
  • 1 salsiccia
  • 1/2 cipolla piccola
  • 1 sottiletta
  • qb di parmigiano o grana
  • qb di brodo vegetale
  • 1 noce di burro
  • qb di olio evo
  • 1/2 bicchiere di vino bianco
  • sale
  • pepe

In un padellino con un filo di olio extravergine,soffriggere un pezzetto di cipolla con la salsiccia sbriciolata,tagliare il radicchio a striscioline e poi ancora a pezzetti e farlo soffriggere in un altra padella con un pò di cipolla e poco olio,aggiungere la salsiccia stufare velocemente e spegnere.
Far soffriggere la rimanente cipolla con una noce di burro,unire la zucca tagliata a dadini e far rosolare per pochi minuti,aggiungere il riso e farlo tostare,sfumare con il vino bianco e portare a cottura aggiungendo il brodo vegetale un mestolo alla volta.A metà cottura unire il radicchio con la salsiccia ,a fine cottura spegnere e mantecare con la sottiletta e il formaggio grattugiato ,far riposare qualche minuto e servire.

venerdì 24 gennaio 2014

Semifreddo affogato al caffè con cuore al torroncino

Prometto,è l'ultima ricetta a tema natalizio che pubblico,anche se girovagando nei blog ne trovo ancora diverse anche se mimetizzate sotto il nome di riciclo,anche questa se vogliamo viene dal riciclo del torrone,ma in verità io compro il torrone appositamente per fare questo dolce che è buonissimo anche fatto lontano dalle feste di Natale.
Questo semifreddo,che ho trovato diversi anni fa in un numero di Natale della rivista ''La cucina italiana'',io lo propongo anche come torta (si può vedere qui) con un esecuzione un po più laboriosa,mentre in veste di monoporzioni i passaggi sono pochi e semplici,a noi piace moltissimo e ne preparo sempre una dose e mezza per averne sempre qualcuno pronto in congelatore.


Ingredienti per 8 porzioni
cuori dei semifreddi:
  • 200g di panna montata
  • 100g di torrone duro
  • 8og di zucchero
  • 2 tuorli
semifreddo al cioccolato:
  • 250g di panna montata
  • 2o0g di cioccolato fondente
  • 2 albumi
  • 50g di zucchero
  • 2 cucchiai di rum
  • 1 pz di sale

Cuore al torroncino da preparare in anticipo:
Ridurre il torrone a pezzettini con il coltello(no mixer altrimenti si polverizza troppo).
Versare lo zucchero in un pentolino , inumidirlo con acqua e cuocere a 110°C.Mettere i tuorli in una ciotola montare con le fruste elettriche e colare sopra lo sciroppo bollente fino a ottenere una crema soffice e spumosa.Incorporare delicatamente il torrone ridotto a pezzetti e la panna montata.
 Raccogliere il composto in una sacca a bocca grossa e distribuire il composto in 8 stampini(da ml75)rivestiti con pellicola e conservare in frizer.
Semifreddo al cioccolato:
Sciogliere il cioccolato nel microonde o a bagnomaria.
Montare a neve soda l'albume con lo zucchero(io pastorizzo anche l'albume con il procedimento dello sciroppo come per la crema sopra) e un pizzico di sale,aromatizzare la panna montata con il rum,versare il cioccolato fuso e tiepido nell'albume montato a neve e poi aggiungere la panna montata.Riempire con il con il composto, per due terzi,8 stampini (più grandi di quelli riempiti con la crema di torrone)rivestiti con pellicola.Sformare i cuori ghiacciati e inserirne uno al centro di ogni stampino.
Chiudere con il composto rimasto e tenere in frizer per almeno 4 ore,Sformare i semifreddi,spolverare con cacao se si vuole e servire con lingue di gatto,scaglie di cioccolato e affogare con caffè ristretto.
 


giovedì 23 gennaio 2014

Biscotti alle noci


 I biscotti sono la mia passione,mi piace mangiarli e mi piace anche prepararli .E c'è un blog che amo in modo particolare perchè ci sono tantissime ricette di biscotti,fatti  in maniera così curata che ogni biscotto è un piccolo capolavoro,già il suo nome fa capire la passione che Stefania prova per i biscotti,''Formine e matterello'' e qui trovate la ricetta originale di questi biscotti che sono veramente deliziosi e si sciolgono in bocca.


Ingredienti
Per l'impasto:

  • 140g di burro
  • 180g di farina
  • 140g di noci tritate finemente
  • 100g di zucchero a velo
  • 1cucchiaino di estratto di vaniglia
per il ripieno:
  • 200g di noci tritate
  • 50g di zucchero a velo
  • 5-6 cucchiai di confettura di albicocche
  • 1 cucchiaio di rum
per la rifinitura:
  • qb di cioccolato fondente
  • 55 mezzi gherigli di noce
Impasto
Nella planetaria ,con la frusta a K,(si può fare anche a mano)mescolare la farina le noci tritate e lo zucchero a velo,aggiungere il burro tagliato a dadini e a temperatura ambiente e l'estratto di vaniglia, amalgamare il tutto fino ad ottenere un impasto liscio.Far riposare in frigorifero per almeno un paio d'ore.
Stendere l'impasto tra due fogli di carta forno ad uno spessore di 3 mm e ritagliare dei cerchi con un coppapasta di 3 centimetri di diametro(si lo so sembra piccola come misura ,ma io che ho avuto il dubbio e ho tagliato dei cerchi di 5cm ho poi avuto la sorpresa una volta in forno di vederli allargare esageratamente e quindi copparli ,una volta cotti e ancora caldi ,a 4 cm di diametro.Posizionare i dischi su una teglia coperta con carta forno e infornare a 175°-180°C per circa 7-8 minuti.


Ripieno
Mescolare le noci tritate con lo zucchero a velo e il rum,aggiungere la confettura e mescolare  fino ad amalgamare bene il tutto.Farcire con il composto inserito in una sac a poche i biscotti ,accoppiandoli a due a due.
Fondere il cioccolato nel microonde , immergere per metà i biscotti e decorare con il gheriglio di noce prima che il cioccolato asciughi




E qui una panoramica dei biscotti regalati a Natale:biscotti di frolla montata,biscotti al cioccolato con confettura di lamponi,frollini al burro ed in primo piano i biscotti alle noci.

mercoledì 15 gennaio 2014

Tiramisù al marsala con cioccolato al profumo di limone di Salvatore de Riso



Lo so Natale è passato da un pezzo,ma se non lo scrivo ora questo post se ne passa un'altro anno,le foto sono pronte da tempo mancano solo gli ingredienti.
Quest'anno mi sono data ai tiramisù dei grandi pasticceri e dopo aver fatto quello di Montersino per il pranzo di Natale, il giorno dopo è toccato a quello di De Riso,lo avevo già fatto in una misura più grande (precisamente quella della foto sopra) mentre questa volta ho dimezzato le dosi(eravamo meno persone)e sotto c'è il risultato.
Riporto gli ingredienti e le grammature (un pò rivedute da me) per la mezza dose perchè comunque viene fuori un dolce per 10- 12 persone.
Ingredienti:
per la pasta biscotto al cacao
  • 4 uova
  • 80g di zucchero
  • 60g di farina per dolci
  • 30g di fecola
  • 20g di cacao

per lo zabaione
  • 80g di tuorli d'uovo(4 uova xl )
  • 90g di zucchero
  • 75g di marsala 
  • 37g di acqua
per la glassa di cioccolato al limone
  • 225g di cioccolato al latte
  • 187g di panna fresca
  • 4g di caffè liofilizzato
  • 4,5g di gelatina(anche 4g)
  • qb di buccia di limone senza la parte bianca
per la crema al mascarpone
  • tutto lo zabaione
  • 375g di mascarpone
  • 320g di panna montata
  • 7,5g di gelatina
inoltre 3-4 tazzine circa  di caffè espresso per bagnare le basi.

Pasta biscotto da preparare in anticipo:
Montare i tuorli nella planetaria per 10 minuti con 40g di zucchero e gli albumi a neve con lo zucchero rimanente,setacciare la farina con il cacao e versarla ,alternando con gli albumi nella montata di tuorli mescolando con delicatezza dall'alto verso il basso.Distribuire il composto in una teglia rettangolare di 30x40cm circa foderata con carta forno , livellando bene e infornare a 200°C per 7-8 minuti

Glassa al cioccolato:
In un tegamino portare a bollore la panna con le bucce di limone ,farla riposare e versarla sul cioccolato spezzettato , far sciogliere mescolando bene.Diluire il caffè liofilizzato con pochissimo  latte bollente e aggiungerlo al cioccolato,idratare la gelatina e aggiungerla al cioccolato ancora caldo , filtrare il tutto dopo 10 minuti per eliminare le bucce .
crema tiramisù al marsala:
Portare a bollore il marsala con l'acqua,montare brevemente i tuorli con lo zucchero in un contenitore che possa andare sul fuoco,  versare il liquido bollente sul composto di uova e riportare sul fuoco fino a raggiungere 78°-80°C.Montare con le fruste elettriche fino a raffreddamento.
Idratare la gelatina e scioglierla nel microonde con un pò di panna,montare il mascarpone diluendo con poca panna e versarvi  la gelatina sciolta mescolando velocemente per non far fare grumi ,aggiungere lo zabaione e per ultimo la panna rimanente che avremo montato,amalgamando delicatamente.Fa riposare la crema in frigo e nel frattempo prendere una fascia di acciaio rettangolare , foderare le pareti con strisce di acetato,tagliare a metà la pasta biscotto, rifilare i bordi , inserire una base di pasta e inzuppare bene con il caffè.Riempire una sac a pochè, con bocchetta tonda di 1cm,con la metà della crema e formare dei ponpon su tutta la superficie,riempire con la glassa al cioccolato gli spazi formatisi tra un ponpon e l'altro,se la glassa si fosse indurita riscaldarla leggermente perchè deve essere fluida.Abbattere o conservare in frizer per una mezz'ora(questa volta ho saltato questo passaggio).
Riprendere il dolce e proseguire con un'altro strato di pasta biscotto e bagna al caffè,stendere uno strato leggero di glassa al cioccolato e sopra ripetere i ponpon con la crema rimanente,riempire gli spazi con la glassa,che riscalderemo se necessario, e riporre in frizer o abbattitore.Prima di togliere la fascia di metallo spolverare  il dolce con abbondante cacao e  decorare a piacere.Far scongelare completamente prima di servire.






martedì 14 gennaio 2014

Amiche, dolcissime amiche!!!

Chi trova un amico trova un tesoro dice il detto...bèh io di tesori ne ho trovati 4 e sono fotografati qui sopra,le mie amiche.....due potrebbero essere mie figlie ,hanno la stessa età della mia ragazza ma quando ci ritroviamo insieme l'età non conta,due invece, sono più vicine alla mia .Ed io eccomi qui sotto ,felice e commossa della bellissima festa a sorpresa organizzata dalle mie amiche, con la complicità di mia figlia, il giorno dopo il mio compleanno, a causa di impegni lavorativi di mia figlia , mi ci ha fatto cascare come una pera dicendo che mi avrebbe portato a cena fuori.........
...nel mio non facile percorso di vita ho dovuto ,mio malgrado,ricominciare da capo diverse volte,allontanarmi dalle amicizie di sempre, quelle con cui sei cresciuta,quelle con cui i nostri figli sono diventati adolescenti,con cui hai condiviso gioie e dolori,ma quando il dolore è  troppo grande non si riesce più a condividerlo insieme e allora ci si allontana,colpa mia colpa loro non sto qui a giudicare.Trovare  nuovi amici nuove amiche è stato facile ...ne ho trovati tanti e tante in questi anni  ma non ci sono più,è rimasto un nome sul cellulare e niente altro,l'amico vero è quello che capisce le tue difficoltà, i tuoi limiti e i tuoi malumori ma non è facile trovarlo,è quello che se anche non lo vedi e non lo senti per settimane non te lo fa pesare ma è li ad ascoltare se ne hai bisogno, è quello che ti strappa un sorriso quando  hai voglia  di piangere e che senti vicino anche se è fisicamente lontano.Le mie amiche sono tutto questo per me,sono quelle che si fanno in 4 per organizzarti una festa di compleanno a sorpresa e sono quelle che riempiono in parte la mia solitudine  condividendo insieme momenti di dolci pasticciamenti.Ognuna per la mia festa si è prodigata nella preparazione di buonissime  ricette cercando di sapere ,nei giorni precedenti con scuse varie, quali piatti preferissi creando aneddoti per noi divertenti,tipo i formaggi francesi per i quali mi hanno soprannominato''la contessina'' o la fantastica torta qui sotto che ha rischiato di essere sostituita da una banale zuppa inglese dopo un mio commento riallacciabile a questo post o il tartufo bianco che è stato sul punto di essere comperato al modico prezzo di 30 euro all'etto,sostituito poi dai più umili pistacchi ma che hanno fatto benissimo il loro dovere di esaltare i tortelloni.
La bellissima tavola floreale apparecchiata da Cinzia in modo carinissimo,le candele sparse in tutta la stanza hanno creato l'allegria e l'atmosfera giusta che hanno accompagnato tutta la cena che è iniziata con una carrellata di antipasti accompagnati dal pane cileno''hallulla'' di Angelica...
 
i formaggi francesi con marmellate varie e gli affettati italiani,i buonissimi tortelloni di ricotta e pistacchi fatti con le sue manine da Cinzia e il succulento carpaccio marinato al limone con pepe rosa, accompagnato da pomodorini rucola e grana preparato da Quirina....
Le erbette di campagna ''strascinate'' con aglio e peperoncino e l'insalata di olive e arancio,il saporito spinacino ai carciofi preparato da Cinzia e.......
 
la gustosissima frittura di carni varie con le insuperabili olive all'ascolana di Marika.....
Le coccole con il caffè,se non ricordo male cioccolatino alla rosa canina ,panna cotta con geleè e... non mi ricordo più.....

il fiore musicale con le candeline da spegnere,per fortuna la torta aveva una struttura che non permetteva il posizionamento di candeline altrimenti mi sarei trovata una candela per ogni anno da soffiare!!!
io con il telefono pronto in mano per immortalare la causa dello stress degli ultimi giorni di Angelica che è diventata un'esperta sul temperaggio del cioccolato e sulla  creazione di dischi di cioccolato di tutte le misure!!!! 

 
Bellissima!!!Che brava che è stata Angelica...
Buonissima,tutta cioccolatosa....
e anche se non si vede bene...nell'unica foto della serata , mia figlia....
La serata è terminata e la festa conclusa abbiamo riso,  mangiato e divertite tantissimo...mi avete commossa ed emozionata e ancor di più mi ha commosso l'affetto che provate per me ed il fatto che 4 persone che si conoscevano appena tra di loro si sono cercate per creare tutto questo insieme.
Grazie ragazze,grazie Quirina, Cinzia, Angelica , Marika e Silvia ,grazie di far parte della mia vita!!!

giovedì 9 gennaio 2014

Zuppa inglese con Pandoro e buon compleanno!!!

Oggi è il mio compleanno,non volevo palare di ricette,avrei voluto raccontare un pò di me ,della persona che sono,dei miei pensieri ,si sa che sono molto riservata,si è visto che scrivo pochissimo della mia vita,ma non ce l'ho fatta ne sarebbe venuto fuori un racconto triste e non voglio proprio oggi intristirmi.....quindi passo sul racconto della mia vita e lascio una nuova ricetta,visto che quest'anno non mi sono fatta nessuna torta di compleanno ne posto  una dei compleanni passati,le foto non sono un granchè ma rendono l'idea.
Ad ogni mio compleanno mi tocca la zuppa inglese,mia figlia la vuole fatta col pandoro al posto del pan di spagna,ogni anno ne compera sempre uno appositamente per fare la zuppa inglese,questa volta però non l'ha comperato e quindi mi sono sentita esonerata dal farla e mi sono fatta una cheesecake classica,però devo dire la verità , mi manca una bella fetta di zuppa inglese.
Questa è una di quelle ricette che faccio ad occhio ,me la  faceva la mia nonna,lei non pesava niente,faceva tutto a memoria e si regolava con i cucchiai , quando io, piccolina, le chiedevo la ricetta lei mi diceva ruba con gli occhi e così ho fatto.Un giorno ho pesato gli ingredienti misurati con il cucchiaio ma resta sempre il fatto che poi mi regolo ad occhio per la densità.

Ingredienti:
  • 1 Pandoro o Pandispagna
  • qb di liquore Alchermes
  • qb di latte intero
  • qb di caffè espresso(facoltativo)

Crema al limone
  • 1/2 litro di latte intero
  • 4 tuorli di uova xl(altrimenti 5)
  • 130g di zucchero(12 cucchiai rasi)
  • 70-75g di farina (5 cucchiai colmi di farina o 35g di amido di mais)
  • buccia intera di limone
Portare a bollore il latte con metà dello zucchero e la buccia di limone,in un tegame mescolare i tuorli con lo zucchero restante e la farina,non serve montare.Versare il latte bollente,mescolare bene e portare sul fuoco,far sobbollire leggermente ,altrimenti la crema  si attacca,per 7-8 minuti o fino a quando la farina non si sentirà più e sarà cotta,se necessario aggiungere un pò di latte per ridare cremosità,non deve essere troppo densa perchè raffreddandosi indurirà.Se si usa l'amido di mais appena la crema giunge a bollore spegnere.

Crema al cioccolato
  • 1/2 litro di latte intero
  • 2 tuorli di uova xl
  • 75g di zucchero(4 cucchiai colmi di zucchero)
  • 45g di cacao amaro(4 cucchiai colmi)
  • 55g di farina (4 cucchiai colmi 0 35g di amido di mais)
  • 50g di cioccolato fondente(facoltativo)

Portare il latte a bollore con metà zucchero,in un tegame mescolare le uova con lo zucchero,unire la farina e il cacao aggiungendo pochissimo latte per amalgamare bene il tutto senza fare grumi e a questo punto versare il latte mescolando bene ,portare sul fuoco e una volta raggiunta l'ebollizione abbassare e portare a cottura ,sempre mescolando per 7-8 minuti,unire il cioccolato fondente e regolare la densità aggiungendo un po di latte se serve.

 Montaggio:
Prima di preparare la crema tagliare a fette spesse 1 centimetro il pandoro(o pandispagna) e sistemarle in una teglia o in un quadrato di acciaio foderando le pareti del quadrato con acetato e posizionato sopra un vassoio.Preparare la bagna versando in una tazza da tè(anche questo ad occhio e in base a quanto ci piace inzuppata)il liquore e il latte,più o meno 2/3 di liquore e 1/3 di latte .Se si usa il caffè versarlo a cucchiaiate sparse sulle fette e  con un pennello da cucina inzuppare con la bagna le fette di Pandoro.Preparare la crema e versarla ancora calda sopra le fette .Ripetere un altro strato di fette bagnate con caffè e alchermes , preparare la crema al cioccolato e versarla sopra al pandoro,livellare coprire con pellicola e far raffreddare prima di conservare in frigo.E' preferibile preparare il giorno prima la torta in modo che si compatti bene,poi togliere il quadrato di acciaio e decorare a piacere con panna montata,in questo caso aromatizzata con un pò di caffè liofilizzato.