lunedì 15 agosto 2016

Eclair con crema chantilly , lamponi e mascarpone

E siamo a quota 4.Quattro anni sono passati da quando ho aperto il blog con il mio primo post proprio il  giorno di Ferragosto.Ero sola in casa e la costruzione del blog mi distoglieva almeno dalla malinconia,così come mi ha tenuto compagnia in tante altre giornate solitarie e spero me ne tenga ancora in futuro.Quest'anno però il post l'ho preparato in anticipo perchè a Ferragosto sarò in compagnia delle mie sorelle,quindi mi basterà un clic per augurare a tutti quelli che passeranno da qui un buon ferragosto ed offrire virtualmente ad ognuno di loro un goloso eclair.
La ricetta della pasta choux è presa dal libro''Accademia Montersino'',con questa dose ho fatto circa 40 piccoli bignè,10 eclair e qualche bignè  più grande.
Avevo un avanzo di crema pasticcera del profitterol tiramisù,sempre di Montersino e con questa ho farcito gli eclair,per questo non ho una quantità precisa da dare e ho riempito pochi pezzi.Ho sempre nel congelatore vasetti di purea di fragole , lamponi o frutti di bosco e con quella ai lamponi  ho riempito gli eclair.
Ingredienti
Per la pasta choux:
  • 270g di uova intere
  • 185ml di acqua
  • 175g di farina 180W(o per dolci)
  • 165g di burro
  • 25ml di latte intero
  • 2g di sale
  • 1 pizzico di zucchero

In un pentolino versare l'acqua,il burro a pezzetti,il sale e lo zucchero,far sciogliere a fuoco dolce e portare a bollore.Incorporare la farina tutta in una volta e cuocere mescolando continuamente fino a quando l'impasto comincia a sfrigolare e si stacca dalle pareti del pentolino.Trasferire l'impasto nella ciotola della planetaria e con il gancio lavorare alla minima velocità per qualche minuto,unire il latte e metà delle uova,far assorbire bene e incorporare le restanti uova continuando a lavorare fino ad avere un composto setoso.
Ungere leggermente una teglia con del burro fuso togliendo l'eccedenza con un foglio di carta da cucina , riempire con la pasta choux una sac à poche con una bocchetta a stella fitta da 13cm e formare dei cordoni lunghi 10 cm circa,con la pasta che avanza formare dei bignè.Bagnare un pezzo di carta da cucina e appoggiarla sopra i bignè  togliendo gli eventuali becchi che si sono formati,in questo modo la superficie rimane umida e i bignè svilupperanno meglio in cottura(Massari docet). Infornare per 10 minuti a 200°C,poi abbassare a 175°C per altri 10-15 minuti minuti ho fino a quando sono ben dorati e asciutti.

Per la farcitura e decorazione:
  • 200g di crema pasticcera
  • 100g di panna montata
  • qb di purea di lamponi dolcificata
  • 150g di panna fresca
  • 150g di mascarpone
  • 1 cucchiaio di zucchero a velo
  • qb di lamponi (io li avevo congelati)
  • fiori edibili e foglie di menta
Mescolare delicatamente la panna montata con la crema pasticcera fredda,riempire una sac à poche (con inserita una bocchetta per bignè)con la crema chantilly,praticare tre fori con lo stesso beccuccio sulla superficie dell'eclair e riempire non completamente con la crema.Mettere la purea di lamponi in un conetto e sempre attraverso i tre fori riempire l'eclair con la salsa.
Montare il mascarpone con la panna e lo zucchero e con una bocchetta da saint honore formare un cordone ondulato sulla superficie dell'eclair e decorare con due lamponi(riempire l'incavo di ogni lampone con la purea) e un fiorellino edibile o foglie di menta.




sabato 13 agosto 2016

Spaghetti al pesto di basilico

Ho un bel vaso grande con un  profumatissimo basilico ,ma tra un po'le sue belle foglie mi saluteranno e non rimarrà che qualche spuntone con qualche rara fogliolina perchè ci farò un buon pesto.
Io lo faccio senza aglio perchè mia figlia non lo mangia,questa è la mia versione,molto semplice,non ho la presunzione di dire che è la ricetta originale ma a noi piace così. 
Ingredienti
Per il pesto di basilico:
  • 60g di foglie di basilico
  • 40g di parmigiano
  • 15g di pecorino romano
  • 100g di olio extra vergine di oliva
  • 40g di pinoli
  • qb di sale
  • 2 cubetti di ghiaccio (facoltativo)
Inoltre:spaghetti o linguine,parmigiano e olio extra vergine di oliva

Lavare ed asciugare le foglie di basilico ,tamponandole con carta da cucina.Nel bicchiere alto mettere le foglie di basilico l'olio,il parmigiano e il pecorino,il ghiaccio se vogliamo (che ci manterrà il bel colore verde e non fa scurire il pesto)e i pinoli, frulliamo con un mixer fino a ridurre in una crema grossolana,aggiustiamo di sale e trasferiamo in un vasetto , copriamo con un filo di olio.
Cuociamo gli spaghetti al dente e condire con il pesto e qualche cucchiaio di acqua di cottura degli spaghetti,servire con altro parmigiano a piacere e un filo di olio.


venerdì 12 agosto 2016

Insalata di melone, cetriolo e feta

Questa fresca insalata si prepara molto velocemente ed è comodissima da portare in spiaggia o perchè no per il picnic di ferragosto,prepararla in anticipo migliorerà il suo gusto e si conserva benissimo un paio di giorni in frigorifero se dovesse avanzare.
E' un'altra ricetta di ''Gnambox''trovata da mia figlia,appassionata delle ricette di questi due ragazzi.
Mi ha veramente sorpreso questa insalata,non pensavo mi sarebbe piaciuta e invece l'ho rifatta due volte,se non piace la feta possiamo sostituirla con un primo sale,ma devo dire che con la feta ha un suo perchè. 
 Ingredienti per 2 persone
  • Mezzo melone
  • 2 cetrioli 
  • 200g di feta a cubetti
  • menta fresca 
  • olio exstravergine di oliva 
  • sale e pepe
Pulire il melone e tagliarlo a cubetti non troppo grandi,sbucciare grossolanamente i cetrioli lasciando qualche striscia di verde e tagliarli a fette spesse mezzo centimetro.
Unire tutti gli ingredienti in una ciotola e condirli con olio ,sale ,pepe , abbondante menta fresca tritata e i cubetti di feta.




mercoledì 10 agosto 2016

Paris-Brest alle fragole

Mi sono così tanto impigrita che più di due o tre ricette al mese,quando va bene,non riesco a mettere.Mi sono talmente ingolfata con foto e foglietti che non so mai a chi dare la precedenza.
Questo Paris-Brest l'ho fatto qualche mese fa,quando le fragole non mancavano mai nel mio frigo,ma visto che ancora si trovano facilmente oggi ho deciso per il Paeis-brest,che poi se uno vuole può sostituire le fragole con lamponi o frutti di bosco. 

Questo dolce è un dessert della cucina francese creato dal pasticcere Louis Durand nel 1891 per commemorare la corsa ciclistica Parigi-Brest-Parigi.La sua forma circolare rappresenta infatti una ruota e divenne popolare tra i ciclisti della corsa Paris-Brest anche per via del suo alto apporto energetico,infatti l'originale ripieno di questo cerchio da pasta choux è composto con un impasto di crema e burro e decorato con scaglie di mandorla.
La ricetta della pasta choux è presa dal libro ''Accademia  Montersino'',la crema invece è la ricetta della mia nonna che non pesava niente e usava il cucchiaio,quindi la sua consistenza finale è da regolare un po' ad occhio,aggiungendo se serve un po' di latte, avendo l'accortezza di non metterlo tutto subito e lasciarne qualche cucchiaio da parte.
Il cerchio grande da cotto è venuto di 28-29cm e basta per 10-12 persone,i piccoli sono diventati di 18cm.
Ingredienti
(per un cerchio da 22cm e due da 10cm più 4-5 bignè)

Per la pasta choux:
  • 270g di uova intere
  • 185ml di acqua
  • 175g di farina 180W(o per dolci)
  • 165g di burro
  • 25ml di latte intero
  • 2g di sale
  • 1 pizzico di zucchero
Per la crema:
  • 500g di latte intero
  • 4 tuorli di uova (io uso le grandissime)
  • 8 cucchiai  di zucchero
  • 4 cucchiai rasi di farina
  • 1 e 1/2 cucchiaino di estratto di vaniglia
  • 1 pezzetto piccolo di buccia di limone
Inoltre:granella di zucchero,zucchero a velo, mezzo litro di panna fresca da montare e un cestino di fragole da mezzo chilo.
Procedimento
Per la pasta choux:
In un pentolino versare l'acqua,il burro a pezzetti,il sale e lo zucchero,far sciogliere a fuoco dolce e portare a bollore.Incorporare la farina tutta in una volta e cuocere mescolando continuamente fino a quando l'impasto comincia a sfrigolare e si stacca dalle pareti del pentolino.Trasferire l'impasto nella ciotola della planetaria e con il gancio lavorare alla minima velocità per qualche minuto,unire il latte e metà delle uova,far assorbire bene e incorporeare le restanti uova continuando a lavorare fino ad avere un composto setoso.
Ungere leggermente una teglia con del burro fuso togliendo l'eccedenza con un foglio di carta da cucina , riempire con la pasta choux una sac à poche con una bocchetta a stella aperta da 15cm e formare due cerchi concentrici di 22cm più uno superiore sovrapposto ai due per il più grande e due giri sovrapposti di 10cm per i più piccoli,con la pasta che avanza formare dei bignè,e spolverare il tutto con granella di zucchero.Infornare per 15 minuti a 200°C,poi abbassare a 175°C per 40 minuti il più grande,ho coperto con stagnola per evitare che briciasse.

Per la crema chantilly:
Riscaldare il latte intero con la buccia di limone,in un pentolino mettere lo zucchero,la farina , i tuorli e l'estratto di vaniglia mescolare il tutto molto bene e versare il latte bollente,non tutto.Portare sul fuoco e cuocere per una decina di minuti dall'ebollizione,aggiungendo se necessario il latte tenuto da parte se vediamo che addensa troppo.Trasferire la crema in una ciotola,dopo aver tolto la buccia di limone , coprire con pellicola a contatto e far raffreddare.
Montare 200ml di panna e aggiungerla alla crema fredda(se piace una chantilly molto dolce si può aggiungere un po' di zucchero a velo mentre si monta la panna).

Montare i 300g di panna rimanente con un cucchiaio di zucchero a velo e conservare in frigo.Riempire una sac à poche (con inserita una bocchetta a stella da 10cm di diametro)con la crema chantilly e farcire il Paris-brest tagliato a metà.
Coprire la crema con uno strato di fragole tagliato a fette e spolverizzato con zucchero a velo,mettere la panna in una sac a poche sempre con una bocchetta a stella inserita e coprire le fragole con la panna montata.
Coprire con l'altra metà del cerchio di pasta choux e decorare con fragole tagliate a ventaglio e ciffetti di panna montata,spolverizzare il tutto con lo zucchero a velo.
Se si vuole una panna montata più sostenuta che mantenga la forma anche con il caldo possiamo mescolare alla panna fresca della panna vegetale dolcificata.