sabato 29 aprile 2017

Millefoglie diplomatica con mascarpone e nido di cioccolato bianco


Come mio solito e per non smentirmi,eccomi qui ancora una volta in ritardo con una ricetta a tema pasquale quando ormai la Pasqua è passata da settimane,ma tanto se togliamo il nido con gli ovetti ,i fiorellini che rimangono fanno tanto primavera.
E' una torta fatta di fretta e si vede,le foto fatte con ancora più fretta e buttate li,proprio inguardabili(in foto la copertura di panna montata è tutta butterata ,in realtà era liscia)  ma di tempo non ne avevo proprio e questo è il risultato però la torta è buona e l'dea carina.
La pasta sfoglia l'ho comperata e cotta il pomeriggio del giorno prima,così come pure la crema pasticcera e la pasta biscotto,la mattina del giorno di Pasqua ho assemblato il tutto e ricoperto con panna montata poi un salto in giardino e ho raccolto qualche fiore.

Ingredienti
Per la pasta biscotto:
  • 6 uova
  • 120g di zucchero
  • 120g di farina per dolci
  • 1 cucchiaino di pasta di limone o buccia grattugiata di limone
Per la crema pasticcera al mascarpone:
  • 800ml di latte
  • 200g di zucchero
  • 8 tuorli 
  • 105g di farina per dolci
  • 2 cucchiaini di estratto di vaniglia
  • buccia di limone
  • 500g di mascarpone
  • 90g di zucchero a velo
Inoltre:
3 rotoli di pasta sfoglia rettangolare,1kg di fragole,700g di panna montata,liquore strega,burro di cacao in polvere,80g di cioccolato bianco,ovetti di cioccolato colorati.

Procedimento
Nido di cioccolato:
La sera prima della preparazione del nido di cioccolato mettere una teglia o una lastra di marmo in congelatore.Sciogliere due terzi di cioccolato bianco tritato nel microonde e portare la temperatura a 45°C,aggiungere il restante cioccolato e far scendere la temperatura a 29°-30°C,versare la cioccolata in un conetto di carta forno,tagliare la punta del conetto e velocemente far scendere dei fili sulla teglia appena tirata fuori dal congelatore far rapprendere leggermente,raccogliere i fili e chiudere a nido.
Il giorno precedente l'assemblaggio della torta preparare la pasta biscotto,la crema pasticcera e cuocere la pasta sfoglia.
Pasta biscotto:
Separare i tuorli dagli albumi,  montare i tuorli con lo zucchero e la pasta di limone, fino a ottenere un composto soffice e spumoso,montare anche gli albumi a neve ferma ma non troppo soda.Setacciare la farina e aggiungerla ,alternando con gli albumi,alla montata di uova mescolando con delicatezza per non smontare il composto,dall'alto verso il basso.Foderare una teglia di 32x40cm con della carta forno risalendo anche sulle pareti e versare la montata livellando con una spatola,infornare a 200°C per 7-10 minuti massimo,capovolgere la pasta biscotto appena uscita dal forno su di un canovaccio e staccare la carta forno, una volta raffreddata avvolgere con pellicola.

Crema pasticcera:
Montare brevemente i tuorli con lo zucchero,poi mescolando unire la farina e il latte bollente a filo,la vaniglia e la buccia del limone,portare la crema sul fuoco a fiamma bassa, fare addensare e portare a cottura mescolando sempre per almeno 8-10 minuti(la farina deve cuocere),regolare la densità aggiungendo poco latte se dovesse essere troppo densa,coprire con pellicola a contatto e far raffreddare.

Pasta sfoglia:
Adagiare la pasta sfoglia con la sua carta su una teglia da forno,bucherellare la superficie con una forchetta,pennellare con uovo sbattuto (io la pennello solo con latte) e cospargere con lo zucchero semolato,infornare a 200°C per 10 minuti.Sfornare e spolverare subito con burro di cacao in polvere per proteggerla dall'umidità e mantenerla croccante,  far raffreddare e coprire con pellicola.

Il giorno dopo assemblare la torta:
Io ho cotto tre basi di sfoglia perchè non erano molto grandi quindi ho tagliato da una base una striscia per avere la dimensione di un rettangolo di 24 x 34 circa(tagliare un'altra striscia anche per la seconda base).
Sbattere 450g circa di mascarpone con lo zucchero a velo e unirlo alla crema pasticcera fredda.
Rifilare la pasta biscotto nella misura della pasta sfoglia.
Lavare le fragole lasciandone qualcuna della stessa grandezza per la decorazione finale.Tagliarne 200g o poco più a dadini piccolini e condirli con un po' di zucchero e far macerare per una mezz'ora poi metterle in un colino a scolare per avere il succo di fragola per la bagna.
Prendere il vassoio su cui poggia la torta e sporcarlo con un cucchiaio di crema al centro(così la pasta sfoglia non scivola via e rimane ben ferma),appoggiare sopra la base di sfoglia grande e vicino mettere anche la striscia tagliata dalla terza base ,sempre fissata con un po' di crema.
Dividere la crema in due parti,prendere la prima parte di crema e spalmarne una metà sulla base di sfoglia,affettare le fragole e distribuirle ordinatamente sulla crema,coprire con la crema rimanente della prima parte e distribuire sopra metà delle fragole a dadini messe a macerare.

Allungare il succo delle fragole con poca acqua e il liquore Strega a piacere,bagnare un lato della pasta biscotto e appoggiarlo sopra le fragole comprimere leggermente e bagnare con il succo di fragola anche la parte superiore,distribuire le rimanenti fragole a dadini e sopra mettere una metà della seconda parte di crema,distribuire le fragole affettate e coprire con la crema rimanente,chiudere con la base di sfoglia e comprimere leggermente.
Montare mezzo litro di panna con un cucchiaio di zucchero a velo e coprire tutta la torta livellando bene.
Montare la rimanente panna con il mascarpone e un po' di zucchero,metterla in una sac a poche con bocchetta spizzata e decorare la torta con delle virgole di panna,le fragole tagliate in quattro spicchi e dei fiorellini e petali a piacere.




venerdì 14 aprile 2017

Pizza di formaggio e noci di Fabiola

 Fabiola è la titolare di un negozio di articoli per la casa e tutto per il cake design,da lei ho fatto,qualche anno fa,un corso e a pranzo ci ha preparato tante buone cose tra cui questa pizza di formaggio che mi è piaciuta tantissimo.Mi sono fatta dare logicamente la ricetta e oggi spulciando tra le vecchie foto  è spuntata lei,decidere di pubblicare la ricetta è stato un attimo,altrimenti sarebbe passato un'altro anno sicuramente.
Diversamente dalla pizza di Pasqua fatta con lievito di birra o madre e lunghe lievitazioni ,questa è fatta con lievito in polvere per torte salate quindi semplice e veloce,che non guasta. 
Si può mangiare così da sola o insieme a degli affettati,perfetta per il giorno di Pasquetta e le gite fuori porta. 

Ingredienti
(per una teglia da 24-26cm di diametro)
  • 3 uova
  • 300g di farina (per panettone Molino della Giovanna)
  • 1/2 bicchiere di carta di olio di semi
  • 1 bicchiere di carta di latte intero
  • 100g di parmigiano
  • 100g di pecorino romano
  • 100g di emmental a dadini
  • una grattatina di noce moscata
  • qb di limone grattugiato
  • qb di noci a pezzetti
  • 1 bustina di lievito in polvere per torte salate(Pizzaiolo)

Io ho impastato nella planetaria con la foglia,ma si può fare semplicemente anche in ciotola a mano.Inserire prima le uova ,l'olio e il latte,mescolare e poi aggiungere i formaggi grattugiati,le noci a pezzetti,la noce moscata e il limone grattugiato,mescolare brevemente e per ultimo versare la farina con il lievito setacciati.
Impastare fino a quando tutto è ben amalgamato e versare in uno stampo a ciambella, preventivamente imburrato ed infarinato, di 24-26cm di diametro,logicamente con lo stampo da 26 verrà leggermente più basso.
Infornare in forno statico a 180°C per 30 minuti, poi per altri 10 minuti ventilato.

domenica 19 marzo 2017

Vellutata di topinambur alla salvia con nocciole



La Primavera è alle porte,nel mio giardino sono nate viole mammole e del pensiero,le primule e le margherite,le calle si stanno preparando e le siepi sono tutte un germoglio,il prunus è tutto pieno di fiorellini rosa ed io inizio ad aver voglia di piatti freschi,ma ho tante ricette invernali ancora da aggiungere al mio ricettario virtuale che come al solito aggiornerò l'anno prossimo ,forse...
Tra le tante oggi ho scelto una vellutata,ci piacciono molto le vellutate,di zucca,zucchine,zucchina spinosa,patate viola,insomma un pò con tutte le verdure e ortaggi,il topinanbur ricorda molto il sapore dei carciofi,la consistenza invece è simile a quella della patata.
Questa ricetta l'ha vista mia figlia nel blog di GnamBox,io l'ho rifatta tale e quale tranne per l'aglio che non usiamo e poco scalogno . 
 Ingredienti per 4
  • 800g di topinambur
  • 600g di patate
  • 50g di nocciole
  • 1 scalogno
  • qb di salvia 
  • 1 rametto di rosmarino
  • 4 cucchiai di yogurt
  • olio evo
  • sale
  • pepe

Portare a bollore dell'acqua salata con 2 rametti di salvia da usare come brodo di cottura,pulire le patate e il topinambur e tagliarli a cubetti.In una pentola con olio far rosolare lo scalogno a pezzetti con un rametto di rosmarino e uno di salvia,unire le patate e il topinambur dopo aver tolto i rametti aromatici e far rosolare per qualche minuto,coprire a filo con l'acqua aromatizzata con la salvia e cuocere per circa mezz'ora o fino a quando le verdure sono morbide.
Frullare il tutto fino ad ottenere una crema,aggiustare la consistenza aggiungendo altra acqua aromatizzata o facendo asciugare sul fuoco a secondo della densità che ci piace.Nel frattempo rosolare in una padella alcune foglioline di salvia con le nocciole tagliate a metà.
Servire la velluta ben calda con un cucchiaio di yogurt messo al centro del piatto,le nocciole tostate le foglioline di salvia e un filo di olio.


sabato 11 marzo 2017

Rana pescatrice(o coda di rospo) al forno con patate


Per San Valentino anche quest'anno mia figlia si è dedicata a cucinare per il suo ragazzo e anche se in ritardo pubblico questa ricetta molto gustosa, che tanto non dobbiamo mica aspettare la festa degli innamorati per cucinarla,basterà evitare di  tagliare le patate a cuore.
Non ricordo il peso del pesce,era molto grande(forse 1 kilo e 800g) ma la rana pescatrice è tutta testa in cui c'è poco da mangiare,rimane il corpo che se mangiato dopo altri piatti è sufficiente per tre-quattro persone,altrimenti ci mangiano giusto in due,volendo si possono comprare solo le codine più piccole.Noi non usiamo aglio e abbiamo messo lo scalogno,ma a chi piace lo può sostituire tranquillamente.

Ingredienti
  • 1,800kg di rana pescatrice
  • 15 pomodorini datterini piccoli
  • 10 olive verdi 
  • 10 olive nere
  • 1 cucchiaio di capperi
  • 1 scalogno piccolo (o aglio)
  • 1 mazzetto di prezzemolo
  • due rametti di rosmarino
  • mezzo bicchiere di vino
  • sale e pepe
  • qb di olio extravergine
  • 1 kg di patate


Foderare con carta forno una teglia,massaggiare con olio sale e pepe il pesce e appoggiarlo dalla parte del dorso sulla teglia.Tritare il prezzemolo, lo scalogno e un rametto di rosmarino,cospargere il tutto sul pesce,aggiungere i capperi, le olive e i pomodorini tagliati a metà,irrorare con un filo di olio e infornare a 200°C per 30 minuti,a metà cottura aggiungere il vino,irrorare ogni tanto il pesce con il liquido di cottura.
Tagliare a cubetti le patate,condirle con olio, sale,pepe e rosmarino,cuocerle in padella e quando sono belle dorate e cotte aggiungere il liquido di cottura del pesce e farlo assorbire tutto dalle patate.
Porzionare il pesce e servirlo accompagnato dalle patate , se vogliamo dargli un tocco più piccantino tagliamo le patate a fette e poi con un tagliabiscotti ricaviamo i cuori che faremo dorare in padella con una spolverata di paprika o peperoncino in polvere.

lunedì 27 febbraio 2017

Arancini di Carnevale


Domani è Carnevale,ultimo giorno per friggere frittelle, bombe, ciambelle,cicerchiate,castagnole e chi più ne ha più ne metta,l'elenco dei fritti carnevaleschi è infinito.Mercoledì inizia la Quaresima e di tutti questi dolci io contemplerò solo le foto e aspettare il prossimo anno sarà lunga.
Intanto aggiorno la sezione fritti dolci con gli arancini,questa è la ricetta della mia mamma,risale a tantissimi anni fa quando ancora si usava nei dolci la margarina e quantità enormi di lievito di birra,nel suo quaderno è scritta così e io l'avevo ricopiata tale e quale anche se poi usavo il burro.Nella ricetta di mamma il lievito era un panetto,cioè 25g,ma ne ho un'altra dove il lievito era 50g per 700g di farina.Non so perchè se ne usasse così tanto,forse perchè una volta le case erano fredde e riscaldate solo da una stufa ,quindi tanto lievito permetteva una lievitazione veloce,ma è solo un mio pensiero.
Io ne ho usato 12g ma perchè avevo fretta di farle,mi sono decisa alle undici di ieri mattina e per le tredici erano pronte da portare a casa di mia sorella,quindi ne possiamo usare anche 10g avendo più tempo.   

Ingredienti
  • 2 uova grandi
  • 50g di burro
  • 12g di lievito di birra(anche 10g)
  • 500g di farina 00 per dolci(+ un cucchiaio)
  • 200g di latte
  • 1 pizzico di sale
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia
  • 1 arancio molto grande(o 2 normali)
  • 1 limone
  • 180-200g di zucchero semolato
  • qb di olio di semi di arachide per friggere
Procedimento

Versare nella ciotola della planetaria(si può impastare tranquillamente anche a mano) le uova,la farina,il burro sciolto,lo zucchero e la vaniglia,il lievito sbriciolato e il latte,impastare per qualche minuto e inserire anche il sale,continuare ad impastare fino ad ottenere un impasto liscio e non appiccicoso ma morbido,nel caso aggiungere un cucchiaio di farina(in totale ho impastato una quindicina di minuti).
Trasferire l'impasto sulla tavola spolverata con farina,formare una palla,coprire e far riposare per 15-20 minuti.
Nel frattempo grattugiare l'arancio e il limone e mescolarli insieme allo zucchero semolato.
Dividere in due la palla e stendere la pasta in un rettangolo spesso mezzo centimetro,distribuire sul rettangolo metà dello zucchero con gli agrumi e arrotolare.Tagliare a fette spesse 1 cm circa,io ho tagliato il rotolo con filo da cucito,come nella foto sotto,perchè con il coltello mi si appiccicava ma ognuna adotta il sistema che più gli piace.
Posizionare le rondelle di pasta su di una teglia foderata di carta forno,coprire con un telo e passare al secondo pezzo di pasta,procedere come per il primo.
Scaldare l'olio di semi e friggere a fuoco medio le rondelle tagliate per prime.
Volendo,si possono cuocere al forno facendole lievitare un po' di più.
Lo zucchero può sembrare troppo,ma non lasciamoci tentare dal non metterlo tutto,io l'ho fatto ma poi non erano molto dolci,perchè poi in cottura lo zucchero si scioglie e caramellizza tutto nel'olio.
Se friggiamo gli arancini non serve far lievitare le rondelle,giusto il tempo di preparare il secondo rotolo e il primo è pronto da friggere.





domenica 12 febbraio 2017

Vellutata di zucchine e patate


Lo so che le zucchine non sono di stagione ma io questa vellutata l'ho preparata quando ancora lo erano,però le vellutate così come le zuppe mi danno l'idea di piatti autunnali o invernali e così perchè non mangiarlo in questo periodo e riscaldarci con il suo calore e colore.E poi ho così tante zuppe e minestre da pubblicare che se non comincio con una poi mi ritrovo che arriva l'estate e non le metto più.


  Ingredienti(per 2)
  • 500g di zucchine
  • 300g di patate
  • 1 scalogno
  • qb di timo fresco
  • qb di basilico greco o a foglia piccolina
  • qb di parmigiano
  • 2 cucchiai di mascarpone(o yogurt o stracciatella)
  • qb di latte
  • olio 
  • sale


Tagliare una zucchina a cubetti,in una padella far rosolare con olio, mezzo scalogno,aggiungere le zucchine e le foglioline di timo,salare e farle cuocere per 5 minuti facendole saltare spesso,devono rimanere croccanti.
Tagliare a cubetti le patate e le zucchine rimanenti,rosolarle in un tegame con olio e il mezzo scalogno, coprire a filo con acqua bollente e portare a cottura.Quando le patate sono morbide frullare il tutto e servire con i cubetti di zucchina saltata,il mascarpone ammorbidito con un po' di latte (oppure un filo di yogurt o un cucchiaio di stracciatella),qualche fogliolina di basilico e timo e a piacere scaglie di parmigiano.

domenica 29 gennaio 2017

Insalata russa

 
E' trascorso più di un mese e mezzo dal mio ultimo post,mi dispiace trascurare così tanto questo mio angolo culinario ma proprio non riesco in questo periodo a dedicarmi al blog.Nel poco tempo che mi rimane dopo essermi dedicata al mio nipotino,cerco di riposarmi e rilassarmi e lo scegliere un piatto ,le foto e scrivere la ricetta comportano per me una grande fatica,poi la fibromialgia di cui soffro non mi aiuta certo nella concentrazione di cui ho bisogno per portare a termine un post.Le ricette e le foto si accumulano , per scegliere quale pubblicare è un gran casino,quelle a tema Natale ormai sono fuori tempo e magari ci riprovo l'anno prossimo,quindi prendo l'ultima fatta un paio di settimane fa giusto perchè me la ritrovo sotto mano.
Erano anni che non la preparavo più,lasciavo il compito a mia sorella che la prepara per tutti noi nei pranzi di famiglia,ma avevo del cappone avanzato dal lesso di Natale e ho deciso di accompagnarlo all'insalata russa,di solito facevo tutto ad occhio,questa volta ho pesato tutto per postare la ricetta,perciò se mettiamo meno o più carote e patate o un cucchiaio in più di sottaceti il risultato non cambia di molto. 
Patate e carote possono essere tagliate a cubetti da crude e poi lessate,per chi non vuole usare uova crude la maionese può essere pastorizzata,io non l'ho fatto.Si può sostituire il tonno con orata o spigola lessata.
 Ingredienti
  • 400-500g di patate lessate
  • 250-300g di carote lessate
  • 130g circa di piselli lessati
  • 200g di sottaceti
  • 1 scatola di tonno sott'olio da 240g
  • 2 uova intere
  • il sicco di mezzo limone
  • 400ml di olio di semi
  • 50ml di olio evo
  • qb di sale 
  • qb di pepe
  • qb di aceto
Inoltre foglie di prezzemolo e 1-2 carote per decorare

Procedimento:
Per prima cosa preparare la maionese:
in un boccale alto versare le uova intere,l'olio di semi e extravergine e un pizzico di sale,inserire un mixer ad immersione e frullare fino ad omogeneizzare bene il tutto ed ottenere un composto sodo,aggiungere ora il succo di limone che ammorbidirà la maionese e conservare in frigo.

Lessare separatamente le patate,le carote e i piselli,far raffreddare bene e tagliare le verdure a piccoli cubetti , sgocciolare i sottaceti e tagliare a cubetti anche loro,unire il tonno sbriciolato e condire con sale ,aceto ,pepe e poco olio,aggiungere 4-5 cucchiai abbondanti di maionese e mescolare bene.
Dosare l'insalata in un piatto da portata ovale o rotondo e dargli una forma a cupola compattando,ricoprire con la maionese avanzata e decorare a piacere.Si possono fare anche delle monoporzioni in vasetti o usando un coppapasta.
Per le rose di carote ho temperato con l'apposito attrezzo le carote e poi arrotolato su se stessa la striscia.